Fare stare bene qualcuno significa fare stare bene noi stessi

“La ricerca della conoscenza è come farsi la barba ogni giorno: se non te la fai ogni giorno rischi di diventare come un barbone.”

(Isidoro Bonarrigo)

Domenica scorsa (siamo al quarto anno), ho concluso la meravigliosa stagione estiva a Casa Angelini www.casaangelini.it dove l’obiettivo era quello di far vivere anche quest’announ’esperienza unica a coloro che hanno voglia di gustare un buon fritto.

Ho incontrato centinaia di persone straordinarie ed ho acquisito sempre più consapevolezza sul fatto che la strada che sto percorrendo, a livello personale e professionale, è quella giusta che mi fa stare bene, perché aiutare e mettere in moto il pensiero delle persone è qualcosa di meraviglioso.

Io credo che la conoscenza applicata, unita al donare attenzione alle persone, sono due elementi importantissimi per migliorare la nostra vita e la vita delle persone.

Chi ha questa grande responsabilità oggi e da sempre in ogni Azienda? È il Leader!

Ecco perché mi sono innamorato di questa materia, vissuta in prima persona per tanti anni. Oggi, in questa mia veste di Attento Osservatore Commerciale Esterno, appassionato di Cultura d’Impresa e di Leadership, voglio mettere a disposizione la mia esperienza e le mie competenze per far eccellere e migliorare la qualità di vita delle persone partendo da loro stessi come persone, e puntando su incontri che hanno alla base il “pensare insieme”, con un confronto sereno e senza mai giudicare.

Partire dal fare concretamente, ovvero dal laboratorio e dalla capacità progettuale ed avere permeabilità tra le varie discipline che si ispirano in ambito personale e aziendale, mi mette il turbo direttamente nell’anima.

Oggi con il mio articolo per la consueta riflessione che confido possa ispirarti in bene, vorrei porre la tua attenzione su un pensiero legato alla Leadership del futuro che ribadisco, per me è il punto di partenza e lo avrai compreso, ed è per questo che suggerisco amorevolmente quando richiestomi di investire sul sapere ed approfondire questo tema.

Avevo già scritto di Robert Jhonson, Consulente e mente strategica di importanti Aziende e Imprenditori, uno tra i massimi Esperti in Leadership Internazionale, che ha collaborato con Google, Virgin, Ikea, Toyota.

Voglio ribadire il pensiero perché è un tema importante, per stimolarci a migliorare la nostra qualità di vita e soprattutto degli altri.

Jhonson mi ha colpito perché è della mia stessa scuola di pensiero sul tema della Leadership.

Noi crediamo che il modo migliore per sbloccare il potenziale umano sia attraverso il potere della collaborazione creativa e per questo motivo vogliamo costruire partnership di grande impatto tra imprese, organizzazioni ed individui, per:

1. Lavorare più velocemente, meglio ed in maniera più snella;
2. Per creare soluzioni che durano;
3. Per trasformare la vita e le comunità da ciò che sono oggi a quello che possono essere domani.
Perché la cosa migliore che possiamo fare insieme è dare agli altri la possibilità di vivere le loro migliori storie di vita.

Di seguito uno dei suoi pensieri sulla sfida del futuro:

Sfida, è una di quelle parole che si arricchiscono di nuove sfumature con il passare degli anni e con il maturare delle esperienze.

Io personalmente nelle sfide di oggi ritrovo quell’energia, quella vitalità piena di eccitazione che sentivo quando ero un giovane uomo. Il mondo che conosciamo è in continua evoluzione.

Il “Cambiamento”, quindi, è sicuro, il progresso no. Gli esseri umani per progredire non possono basarsi solamente sulla materia, è indispensabile entrare nello spirito e decidere chi siamo, cosa vogliamo e in che cosa crediamo.

Negli ultimi anni ci siamo focalizzati troppo sugli aspetti materialistici dell’esistenza, e quando domina la materia, la nostra esistenza diventa tutta focalizzata nel fare cose, invece di creare significati e valori per noi stessi e per gli altri.

Credo che un vero Leader abbia due compiti principali:

1. Accrescere l’auto coscienza di chi gli sta intorno e questo significa formare altri Leader;
2. Non costruire i propri vantaggi sulla rovina degli altri.

Fare stare bene qualcuno significa fare stare bene noi stessi. Tutti, anche quelli che non vogliono ammetterlo, hanno bisogno di attenzione, cura e amore. Anche un piccolo gesto amorevole, farà sentire meglio l’altro e, di riflesso, anche noi.

📷 di Chiara Clementini (@chiaracleme13)

 

By | 2019-10-05T05:46:01+00:00 4 ottobre, 2019|Leadership|0 Commenti

Scrivi un commento